Progetto “Ascoltate Guardando”

Home / Progetto “Ascoltate Guardando”


PROGETTO DI PHOTOVOICE 

E’ grazie al contributo dell’8 x mille della Chiesa Valdese se potremmo immergerci in questa avventura, che durerà un anno, nel mondo delle immagini e dei loro significati. 

“Ascoltate guardando” perché …..photovoice “le foto che parlano”, perchè ci vogliono oltre agli occhi che guardano anche le orecchie, la mente ed il cuore che ascoltano. 

Con un gruppo di 10 ragazzi, ognuno con le proprie capacità, emozioni e pensieri, e degli operatori verrà realizzato questo progetto per mandare un messaggio di cambiamento e di speranza in un mondo migliore. 

Che cos’è? 

Il Photovoice è uno strumento che combina la fotografia e l’azione partecipata, permettendo alle persone di esprimere il loro punto di vista attraverso la fotografia.  

Verranno scattate delle foto riguardanti una tematica da loro scelta e rappresentativa della realtà in cui vivono.  

L’animo che spinge a praticare questa tecnica è quello del bambino che vede il mondo attraverso il cuore, ma non sapendo come esprimere le sue emozioni, le cattura con le immagini, in modo che anche altri le possano conoscere.  

Questo metodo permette l’emergere di storie alternative e il coinvolgimento dei partecipanti in un forte processo di empowerment favorito dall’intervento di operatori, con diverse specializzazioni, che rappresentano una guida lungo l’intero percorso.  

Il PhotoVoice è immagine e parole insieme: autorizza i diretti interessati, e non gli specialisti, a rappresentare e definire questioni di interesse, aree di forza e obiettivi per il cambiamento, dal loro punto di vista, secondo una prospettiva che rende unico il loro racconto.  

I testi che accompagnano e arricchiscono le foto, alimentano la riflessione e la consapevolezza critica su alcuni aspetti percepiti come importanti dai protagonisti.  

I momenti del progetto: 

– La scelta dei dei temi da affrontare: i partecipanti sceglieranno delle tematiche percepite da loro come importanti, partendo dalle loro aspettative e dalle loro esperienze; 

– l’etimologia: a partire dai temi scelti si studierà l’etimologia delle parole scelte; 

– la tecnica fotografica: lezione di fotografia di base, etica e alla privacy nell’utilizzo delle immagini;   

– realizzazione delle fotografie: dopo una prima parte di progettazione delle immagini da realizzare, i partecipanti procederanno con l’esecuzione degli scatti, in interna o in esterna, assieme alle operatrici.   

– selezione, discussione e fase narrativa: in gruppo verranno selezionate le fotografie più significative che forniranno stimolo ulteriore di discussione ed andranno a costituire il materiale per l’evento finale. Una volta selezionate si procederà alla post-produzione con software dedicati;  

– lavoro narrativo sulle immagini: per ogni foto verrà redatta dai partecipanti una didascalia che aiuterà loro a riflettere sugli aspetti legati alle tematiche scelte. In questa fase si cerca di stimolare una riflessione critica di gruppo in cui i partecipanti possono discutere con gli altri circa il significato delle foto scattate; 

– mostra finale: le fotografie verranno esposte in una mostra fotografica aperta al pubblico per sensibilizzare la comunità e le istituzioni. I partecipanti al progetto saranno presenti durante l’evento.